Perché il tennis è uno sport così rumoroso?

Qualsiasi spettatore che abbia mai assistito ad un match di tennis live è rimasto probabilmente molto sorpreso da quanto questo gioco sia rumoroso.

È un fatto abbastanza stupefacente, considerato che ci sono così pochi giocatori in campo e così poche attrezzature da giustificare un tale baccano!

Storia dell’urlo nel tennis

Nonostante i tennisti emettano questi rumori da decenni durante le partite, è solo dagli US Open del 1988 che i giocatori hanno iniziato a lamentarsi della cosa. Andre Agassi urlò così tanto durante il match contro Ivan Lendl, che questo si lamentò che l’eccessivo rumore prodotto da Agassi gli faceva perdere la concentrazione e quindi il tempo sulla palla.

Michelle Larcher de Brito durante Il Roland Garros del 2009 ha strillato così forte da essere oggetto di numerose lamentele.

Cosa significano questi rumori?

I rumori che tengono gli spettatori incollati alle sedie non sono quelli prodotti dalla racchetta che colpisce la pallina o dal rimbalzo della pallina sul campo, provengono invece dai tennisti stessi. Vengono chiamati urli, grugniti, strilli e gridolini, comuni tanto al gioco femminile quanto a quello maschile.

La ragione più ovvia dietro a questi urli quando i tennisti colpiscono la palla è perché sono di aiuto per colpire effettivamente più forte. I tennisti ritengono di poter applicare la maggior forza possibile alla palla quando accompagnano il gesto con un urlo.

I medici hanno spiegato che urlare o gridare richiede il coinvolgimento dei muscoli addominali, che aiutano il tennista a generare più potenza nel momento di impatto con la palla, indipendentemente dal tipo di colpo che viene eseguito.

Un altro motivo per cui i tennisti tendono ad emettere questi suoni quando colpiscono la palla è di tipo psicologico. Quando i tennisti urlano, riescono a rilasciare parte della tensione che sentono durante il match e quindi a rilassarsi un po’.

Inoltre, è giusto ricordare anche che questi “grugniti” possono aiutare ad intimidire l’avversario, rendendoli un modo per apparire molto più invincibili sul campo.

La top 10 delle “urlatrici”

FAQ

È permesso?

Nonostante i vari benefici scaturiti da tali urli, è normale chiedersi se tutto ciò sia permesso durante i match, specialmente quando il volume è molto alto. Anche se molti giocatori vorrebbero bandirli durante le partite perché li ritengono una distrazione, è permesso.

In ogni caso, il giudice di sedia può penalizzare un giocatore se ritiene che i suoi urli abbiano ostacolato la performance dell’avversario.

Chi urla più forte?

Il volume che alcuni tennisti riescono a raggiungere quando emettono questi grugniti è impressionante. Maria Sharapova è conosciuta come una delle maggiori “urlatrici” del circuito, superando facilmente i 100 decibel.

Monica Seles normalmente superava i 90 decibel e Michelle Larcher de Brito ha fatto registrare un urlo da ben 109 decibel.

Per dare un’idea, motoseghe e martelli pneumatici si aggirano intorno ai 100 decibel, facendo quindi capire quanto questi giocatori siano rumorosi sul campo.

I tennisti potrebber smettere di urlare?

Mentre gli spettatori spesso suppongono che i tennisti possano smettere di urlare quando vogliono, molti giocatori ammettono di non rendersi nemmeno conto che lo stanno facendo.

È una naturale espulsione di aria, difficile da controllare; ciò significa che i tennisti non smetteranno facilmente di farlo.

Fonti:

Articolo originale: Why is tennis a noisy game?

Link all’originale: https://www.dadracket.com/why-is-tennis-a-noisy-game/

Autore: Graham Scott, 06.04.2019

Traduttrice: Daniela Terzo

Foto: Getty

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *