Con Nadal e Djokovic che traballano cosa può significare la vittoria di Fognini a Monte Carlo in previsione della stagione sulla terra rossa?

È difficile spiegare esattamente quanto la vittoria di Fognini a Monte Carlo sia stata sorprendente. Sotto 6-4 4-1, e ad un punto dal 5-1, nel match di primo turno contro il russo Andrey Rublev, l’italiano ha poi cavalcato fino alla vittoria finale, annoverando il “Re della Terra” Rafael Nadal fra le sue vittime.

Battendo Dusan Lajovic per 6-3 6-4, Fognini è diventato il primo italiano a vincere un titolo Master 1000, e il secondo giocatore più anziano a vincere il primo titolo di questo livello, raggiungendo anche il suo miglior ranking di n. 12 al mondo.

Per completezza, Madrid è diventato un torneo Master 1000 su terra solo nel 2009. Soltanto Alexander Zverev si è aggiudicato un titolo 1000 senza aver vinto prima un torneo dello Slam. Ogni giocatore in questa lista, e cioè Nadal, Djokovic, Wawrinka, Federer, Zverev e Murray, ha poi vinto più di un titolo su questa superficie. Pare però alquanto improbabile che Fognini possa riuscire nella stessa impresa.

Ovviamente Nadal è stato il dominatore di questa superficie, ma è stato agilmente battuto da Fabio in quel match di semifinale definito dallo spagnolo come il peggiore da lui giocato nei 14 anni di carriera sul rosso. Senza dubbio, la sua sconfitta solleva una serie di domande: non ha ancora recuperato dall’infortunio? Questa sconfitta quanto può aver scalfito la sua fiducia? Fallirà anche il tentativo di un 12esimo titolo al Roland Garros?

Ne avremo sicuramente un’idea più precisa nelle prossime settimane, con Barcellona (altro torneo dove detiene 11 titoli) il primo appuntamento della serie. La storia ci insegna che la sconfitta a Monte Carlo non è necessariamente un presagio negativo per quanto riguarda le possibilità di vincere l’Open di Francia. Nadal ha infatti vinto lo slam parigino in due occasioni senza aver vinto il suo Master 1000 preferito e più prolifico.

Nonostante abbia dimostrato che può vincere a Parigi anche senza ottenere grandi risultati nel principato di Monaco, la vittoria a Monte Carlo è stata quasi sempre una piattaforma di lancio per vincere anche il Roland Garros. Solo nel 2009 ha vinto il titolo al Monte Carlo Country Club ma ha poi fallito l’appuntamento parigino.

Che la sua aura di invincibilità sia stata seriamente messa in discussione la settimana scorsa non è ancora certo, ma gli avversari sicuramente penseranno di trovarsi di fronte un Nadal sotto tono, o addirittura infortunato, nelle prossime settimane. Ciò potrebbe portare a performance molto ispirate.

Anche i suoi grandi rivali hanno mostrato non poche difficoltà. Djokovic non era nemmeno vicino alla sua forma migliore. Chi gli sta vicino ha espresso preoccupazioni riguardanti la mancanza di costanza mostrata dal serbo in allenamento. In ogni caso, rimane fiducioso di presentarsi al meglio al Roland Garros.

La sconfitta di Dominic Thiem da parte del futuro finalista Dusan Lajovic negli ottavi di finale è stata decisamente poco convincente. È comunque necessario sottolineare come l’austriaco non abbia mai brillato in questo torneo, raggiungendo i quarti di finale in una sola occasione.

Zverev, come Nadal, è stato vittima della settimana di gloria di Fognini, ma ampliando il quadro i suoi risultati recenti gettano qualche ombra sul suo stato di forma. Attualmente si trova fuori dalla top 20 nella classifica per il Master finale di Londra.

In questo momento sarebbe comunque difficile eliminare del tutto questo particolare gruppetto dai contendenti al titolo parigino, come sarebbe sicuramente improbabile vedere Fognini attuare un simile percorso vincente anche in uno slam. Ma una cosa è sicura: quest’anno c’è un che di intrigante ed incerto nella stagione sulla terra, cosa che invece su questa superficie mancava da molto tempo.

Fonti:

Articolo originale:

With Nadal and Djokovic stuttering, what does Fognini’s Monte Carlo win mean for the clay season? – Link all’originale:
https://metro.co.uk/2019/04/21/nadal-djokovic-stuttering-fogninis-monte-carlo-win-mean-clay-season-9278757/

Autore: George Bellshaw, 21.04.2019

Traduttrice: Daniela Terzo

Foto: Getty Images, Eric Gaillard/Reuters

Tutti i contenuti tradotti in questo sito sono e rimangono di proprietà dei rispettivi autori e si intendono tradotti come tali ai soli scopi di divulgazione e informazione.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *