Perché Emiliano Sala è più forte di Mohamed Salah?

Questa stagione il suo nome è sulla bocca di tutti gli appassionati di Ligue 1. Naturalmente stiamo parlando di Emiliano Sala. Autore dell’ennesima doppietta lo scorso weekend contro il Guingamp, l’attaccante argentino del Nantes, che  è diventato ormai la pedina chiave negli schemi di Vahid Halilhodzic, continua a stupire tutti.

Attraversando la Manica, troviamo invece il suo quasi omonimo Mohamed Salah in evidente difficoltà nonostante l’ultima stagione da sogno. Vi spieghiamo perché questo rapporto di forza si è rovesciato e in cosa Emiliano ha sopravanzato Mohamed.

Le statistiche parlano per lui

Chi può rivolgersi a Emiliano Sala e affermare: “Ho fatto più goal di te quest’anno in campionato”? Ebbene, pensate un po’, ce n’è solo uno e si chiama Kylian Mbappé. Il Nazionale transalpino è infatti il miglior attaccante europeo in questa stagione con 11 reti all’attivo, appena davanti all’extraterrestre argentino (10) e a Neymar (9). Un trio d’attacco niente male insomma.

Ben più distanziati troviamo Lionel Messi e Cristiano Ronaldo (7), impotenti di fronte alla rapidità con la quale il cyborg Sala va a segno. E cosa dire dunque di Mohamed Salah e della miseria dei suoi 5 centri messi a segno finora in Premier League? A livello di statistiche non c’è partita: Emiliano vince il match per K.O.

L’esultanza di Emiliano Sala dopo l’ennesima rete segnata quest’anno in Ligue 1 con il Nantes

Emiliano e l’investitura dei grandi del pallone

Lo scorso anno, Salah ha ricevuto parole di elogio da più fronti: Cristiano Ronaldo, Lionel Messi, Jürgen Klopp, José Mourinho e perfino Zinédine Zidane hanno profuso lodi all’Egiziano al termine della grande stagione disputata. Ma cosa sono questi piccoli nomi se paragonati ai veri e propri mostri sacri che hanno espresso il loro grande apprezzamento per Emiliano Sala durante i suoi trascorsi in Ligue 1? Per citarne alcuni:

Willy Sagnol, agosto 2014, conferenza stampa: Emiliano, lo seguo da sei mesi e vedendolo giocare mi ricorda, seppur con le dovute proporzioni, Gabriel Batistuta. Fa stancare i difensori e le sue reti sono frutto di un grande lavoro.”

Claudio Ranieri, agosto 2017, citato da Ouest France“L’offerta di 7 milioni per lui dalla Lokomotiv Mosca? In realtà la somma è ancora più alta. Ma non mi separerò da Emiliano. Mai. Emiliano resterà qui a Nantes.”

Vahid Halilhodzic, dopo la vittoria nello scorso weekend contro il Guingamp : “Emiliano è un ragazzo adorabile e sempre pronto a dare battaglia. È un prezioso collante che partecipa al gioco in fase di impostazione ed è sempre pronto a ripiegare per dare una mano. E ci riesce molto bene. Parliamo di un attaccante come pochi al giorno d’oggi.

[…]
Reduce da un’annata straordinaria, Salah è apparso un po’appannato in questo inizio stagione.

La differenza di palmarès

Magari ci sarà pure qualcuno tra di voi che obietterà: “Sì, ma Salah ha vinto di tutto in carriera, perché non parlate di palmarès?” E su questo non avreste del tutto torto. Tuttavia, per quanto il calciatore attualmente in forza al Liverpool abbia già vinto in Svizzera, Inghilterra e in Italia, oltre ad aver partecipato a una finale di Champions League, può forse vantare il premio di “Calciatore del mese di Ligue 1?” Pensiamo proprio di no.

Sala ha ottenuto questo trofeo,  l’unico della sua carriera, durante il prestito al Caen nell’inverno 2015. Questo ha rappresentato il punto più alto del suo percorso, dopo il quale non ha mai smesso di segnare a raffica prima di essere richiamato dal Bordeaux. Solo Dio sa dove sarebbe potuto arrivare se solo avesse continuato a militare nel Caen…

Il primo, e al momento unico, trofeo vinto in carriera da Sala – “Giocatore del mese di Ligue 1”

Questione di regolarità

Oltre alla “h” nel cognome, di differenze tra Salah e Sala ce ne sono eccome. Certo, Salah è reduce da una stagione stellare. Sì, in quel periodo si è quasi attestato sui livelli di Messi e CR7. Ma si è trattato solo di un fuoco di paglia. Perché nel resto della sua carriera, che fosse alla Fiorentina, alla Roma o al Chelsea, Salah ha alternato alti e bassi (vedere video sotto) senza mai riuscire a imporsi come titolarissimo.

Al contrario invece, Emiliano Sala ha saputo ritagliarsi un ruolo da protagonista in tutti i club in cui ha militato. Da Orléans a Niort, passando per Caen e Nantes, il giocatore formatosi a Bordeaux ha sempre lasciato il segno. D’altronde su ben 5 delle 6 stagioni disputate in Francia, ha superato quota 10 reti. Ecco un vero esempio di regolarità. Emiliano non ha mai deluso le attese in tutti questi gloriosi club francesi di cui ha indossato la divisa, e non c’è dubbio che la Francia non si dimenticherà mai di lui.

Se dopo questa disamina non siete ancora convinti non possiamo farci nulla. Ad ogni modo noi non saremmo affatto sorpresi di vedere il nome di Emiliano tra i finalisti decretati da France Football per il Pallone d’Oro 2019. Stai molto attento Kylian (Mbappé, n.d.t.), il tuo futuro avversario per il più ambito dei titoli individuali, potrebbe non essere quello che ti aspetti…

Potrebbe interessarti anche

Perché N’Golo Kanté è il giocatore più geniale della sua generazione?

Fonti

Traduzione di Andrea Palazzeschi dell’articolo di Julien Choquet “Pourquoi Emiliano Sala est plus fort que Mohamed Salah” pubblicato il 5 novembre 2018 su Football Stories.

Link all’originale: http://footballstories.konbini.com/france/pourquoi-emiliano-sala-mohamed-salah/

Tutti i contenuti tradotti in questo sito sono e rimangono di proprietà dei rispettivi autori e si intendono tradotti come tali ai soli scopi di divulgazione e informazione.
Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *