Jordyn Smith: campionessa del mondo di Taekwondo grazie ai suoi capelli rossi

È risaputo che le persone dai capelli rossi sono più soggette a prese in giro. Ma, quando un padre scozzese ha portato la sua bambina in una palestra di arti marziali, non poteva sapere che, oltre a imparare a difendersi dai bulli, il suo tesoro dai capelli infuocati avrebbe vinto un Mondiale. Jordyn Smith, 17 anni oggi, si è infatti appena tinta d’oro al Campionato del Mondo Juniores di Taekwondo in Tunisia e adesso ha messo gli occhi sulle Olimpiadi di Tokio 2020.

tkd red hair.jpg

Darren Smith portò sua figlia in una scuola di taekwondo locale quando aveva 4 anni. Siccome Jordyn stava per cominciare la scuola, suo padre era preoccupato che i compagni potessero prenderla in giro per il colore dei suoi capelli e pensò che il taekwondo potesse aiutarla ad acquistare fiducia in se stessa.

Ospite al programma radiofonico scozzese di Kaye Adams, Jordyn ha dichiarato: «Mi ci ha portata perché temeva che a scuola mi avrebbero presa in giro per i miei capelli rossi. All’inizio ero spaventata dai calci alti e dagli urli, correvo sempre a nascondermi dietro mio padre perché ero nervosa e molto timida. Ma un giorno lui mi disse: “Se non ti piace non ci torniamo più, non fa per te”. Quella frase deve aver risvegliato qualcosa in me, perché poi non sono più tornata indietro».

Jordyn ammette che se fosse nata mora o bionda non avrebbe mai fatto quello sport, ma ora non la ferma più nessuno. Va a scuola due giorni alla settimana, gli altri tre si trasferisce a Manchester per allenarsi alla Great Britain National Taekwondo Academy e comunica con i professori tramite un’applicazione di Google. Si sta anche preparando a dare gli esami e una volta terminati, a maggio, si allenerà a tempo pieno a Manchester in vista di Tokio 2020 e Parigi 2024.

dad tkd red hair.jpg
Papà Darren nelle vesti di allenatore

Il taekwondo ha coinvolto tutta la famiglia. Il papà di Jordyn ha iniziato a praticarlo poco dopo di lei, avanzando di cintura assieme alla figlia. La madre, Shona, ha invece cominciato con la sorella minore Teighan e ora hanno tutti e quattro la cintura nera.

«Jordyn non è stata appassionata fin da subito. Prima abbiamo provato con la danza e altri sport ma alla fine l’abbiamo portata in una palestra di taekwondo e ci è piaciuto così tanto che suo padre l’ha subito seguita. Ha dato gli esami di cintura con lei: era bellissimo vedere padre e figlia fare qualcosa insieme. Poi sono rimasta incinta e ho cominciato anch’io con la seconda per tenermi in forma. Questo sport è importante per tutti e quattro. Jordyn fa molti più sacrifici di noi ma noi la aiutiamo a condurre una vita da adolescente e da atleta di alto livello al contempo, facendole incontrare gli amici dopo l’allenamento», afferma Shona.

Jordyn è sulla buona strada per diventare una campionessa olimpica e sostiene che lo sport l’ha resa più sicura di sé: «Ero una bambina timida ma da quando ho iniziato a praticare il taekwondo ho più fiducia in me stessa. E poi, insomma, mi piace tirare calci alla gente!».

Fonti

Traduzione di Claudia Bondi

Articolo originale: “Being born with red hair made me a world champion”

Link all’originale: https://www.bbc.com/news/uk-scotland-tayside-central-43908126

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *