Quanto conta la testa quando si gioca a pallavolo

Come è noto, in qualunque sport il successo dipende da molti fattori di diversa natura. Alcuni giocatori avranno un talento naturale, delle condizioni fisiche perfette per quell’attività. Ma il successo dipende soprattutto dalla condizione mentale del giocatore, dalla sua testa, dalla sua forza di volontà, è il giocatore stesso l’artefice della gara. Bisogna dunque chiedersi come acquisire la giusto “mentalità di gioco”.

In primis riorganizzare il proprio gioco

Abbattere i propri demoni prima di affrontarne altri è la cosa più importante e semplice che si possa fare per avere successo in uno sport. Se si è sicuri del proprio gioco, allora si è pronti per affrontare gli avversari.

Prepararsi psicologicamente

La forza mentale che ci permette di avere successo deve venire fuori già a casa: bisogna scegliere come usare al meglio i propri punti di forza, ma è anche necessario identificare i propri punti deboli come la paura di sbagliare e la relativa incapacità di giocare le fasi critiche delle gare. Provare paura è normale, siamo tutti esseri umani. Ma bisogna sfruttare questa paura per migliorarsi. Una volta interiorizzata questa strategia, si giocherà in modo lucido, oculato, e si riuscirà a prendere decisioni tattiche in modo più raffinato.

Semplicemente credere in se stessi

Credere in se stessi significa avere fiducia nelle proprie capacità, così come è essenziale fidarsi dei propri compagni di squadra. Insieme non si ha paura degli avversari. Si desidera fortemente andare fino in fondo per raggiungere l’obiettivo finale. Tutti gli sport si basano sulla fiducia. Se ci si sente negativi nei confronti di se stessi, la performance sarà altrettanto negativa. Il giocatore di poker mancherà una presa fondamentale. Il pugile non sferrerà il pugno decisivo. E la squadra di pallavolo non sarà la prima ad arrivare a 25.

bracccc

Giocare con una mentalità vincente

Per adottare una mentalità vincente, è importante guardare le mani migliori in quel momento, le mani di chi vuole vincere. Tutto dipende dal benessere fisico e mentale, ma se non si conosce il proprio gioco e quello degli avversari, la nostra tattica sarà controproducente. Bisogna essere nella condizione mentale di rialzarsi dopo un errore, così come dopo aver perso un set è fondamentale trovare la motivazione e andare avanti. E soprattutto, dopo aver vinto un set, bisogna obbligare la propria mente a rimanere in gioco e a continuare così, andare fino in fondo senza mollare di un millimetro.

ap_italy_women_s_volleyball_worlds_67980562.jpg

Battere il proprio corpo

Sebbene non sia facile, è necessario far sì che la mente vada oltre i muscoli. Con l’avanzare della gara, la tensione sul corpo cresce ed è facile sentirsi affaticati, stanchi e meno performanti. Di conseguenza, cala la concentrazione. Ma abbiate la determinazione di andare avanti e di non mollare mentalmente, il corpo seguirà a ruota.

Bere molta acqua

drinkL’acqua regola la temperatura corporea, senza contare gli effetti sul cervello. Il centro del nostro sistema nervoso è composto al 95% da acqua. Quando si gioca a pallavolo il cervello è il motore, che ovviamente deve rimanere idratato. Bisogna dunque assicurarsi di bere molto per rimanere concentrati sul gioco e non sul proprio corpo.

 

 

Capire gli avversari

Se si è in grado di variare il proprio gioco, allora è possibile spingere oltre la propria concentrazione per destabilizzare i giocatori dall’altra parte della rete. Osservare la squadra avversaria durante i primi scambi, individuare i punti deboli e colpire. Sarà dunque possibile elaborare un piano d’azione insieme ai compagni e all’allenatore.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *