Cosa si cela dietro le grandiose bandiere americane degli eventi sportivi

La libertà non è gratuita, costa circa 7.500 dollari.

Questo è il prezzo di una delle bandiere americane che vediamo coprire il campo durante gli eventi sportivi di tutto il paese, costante simbolo di patriottismo anche durante le polemiche che circondano la decisione di alcuni giocatori dell’NFL di inginocchiarsi durante l’inno nazionale.

“Anche quando la guardo in televisione mi si riempiono gli occhi di lacrime e sento un groppo alla gola,” ci dice Amy Barnett, che dirige la 50 Star Productions, una delle aziende che affitta queste bandiere. “Adoro il senso di patriottismo che emana, è sempre fantastico vedere il pubblico andare in visibiglio”.

$Fonte

La compagnia, con sede a Salt Lake City, ha affermato di essere stata ingaggiata per almeno 120 eventi sportivi durante l’ultimo anno, con squadre disposte a pagare da 4.000 a 7.500 dollari per poter srotolare la bandiera sul proprio campo da gioco, una volta assemblati i 14 pezzi che la compongono.

“Ogni striscia compone un pezzo, mentre le stelle sono un’unità singola.” spiega Barnett. Ogni pezzo viene unito per creare questa bandiera americana gigante che deve essere sorretta da più di 100 volontari durante l’esibizione, in quanto alcuni modelli raggiungono le dimensioni di un campo da football americano con un peso di quasi 550 kg.

“Solitamente utilizziamo la bandiera più grande per le occasioni speciali, come l’inizio della stagione, il 4 di luglio e le partite di post-stagione, dato che è una parte importante della tradizione del baseball,” afferma Joe Jareck, a capo delle pubbliche relazioni dei Los Angeles Dodgers. La squadra ha appunto utilizzato una di queste bandiere in settimana, con un modello che si è aperta tra le due linee di fallo sulle note dell’inno nazionale in occasione delle prime due partite di World Series nella cornice dello stadio dei Dodgers. Gli Huston Astros hanno utilizzato la bandiera in maniera simile durante il loro post stagione nel 2017. “La bandiera deve essere sorretta da più di 100 volontari, che devono srotolare la bandiera al momento esatto durante il pre-partita,” ci dice Jareck.

Scene di questo tipo, su grande scala o di dimensioni ridotte, sono comuni anche in stadi di football americano come quelli di Philadephia, Denver e Indianapolis. “Abbiamo usato la bandiera a tutto campo durante l’inno prima di tutte le partite in casa a partire dall’ultima stagione giocata nell’RCA Dome (nel 2008),” ha commentato Pete Ward ai microfoni di Fox News, in qualità di direttore operativo degli Indianapolis Colts, aggiungendo: “Non abbiamo intenzione di fermarci.”

5645578Fonte

Squadre da tutto il paese stanno partecipando a questo picco di patriottismo anche durante partite di inizio stagione liceale, come testimonia il video del pre-partita di una squadra in California dominato dalla presenza della bandiera, diventato poi virale con più di 6 milioni di visualizzazioni su Facebook.

Fonte: Facebook

Ciascuno dei giocatori della squadra di football della Burroughs High School, Ridgecrest, è entrato in campo portando una bamdiera americana sulle note di “God bless the USA” di Lee Greenwoods. “È stata una scena davvero emozionante,” ha commentato il capo coach Todd Mather, aggiungendo che “sugli spalti erano tutti commossi”. “Non ci saremmo mi aspettati che il risultato fosse questo”. Michele Lazaro, direttore sportivo scolastico, ha descritto Ridgecrest come una “cittadina estremamente patriottica” nelle vicinanze di una base della marina, i cui piloti hanno sorvolato il campo con una parata aerea in occasione della partita. “Volevamo rendere omaggio al nostro paese e lo staff sportivo voleva fare qualcosa di speciale per l’apertura ufficiale della stagione.” è stato il suo commento finale.

Traduzione a cura di Lara Fasoli

Articolo originale

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *